Parco Riciclato

Ciao a tutti,

oggi per voi una NEWS PER IL PIANETA, una di quelle notizie che mentre si va ad acquistare un qualsiasi prodotto, si pensa al perchè oggigiorno ci troviamo dinnanzi a tonnellate di produzione di rifiuto pro capite 😦 All’importanza della raccolta differenziata, e di tutti i vantaggi che ognuno di noi ne trae conferendo correttamente negli appositi contenitori…

parco rottherdamparco

Si chiama Recycled Park ed è in fase di sperimentazione a Rotterdam. È stato costruito con materiale riciclato ottenuto dalla spazzatura recuperata dal fiume.

Per Rotterdam riciclare i rifiuti è una cosa seria: nella città olandese è stata avviata la sperimentazione del primo Recycled Park, un parco pubblico galleggiante che avrà il compito di recuperare i rifiuti plastici che inquinano il fiume della città, il Nieuwe Maas, per convertirli in piattaforme, anch’esse galleggianti, destinate alla flora e alla fauna locale.

Tra i più importanti fiumi europei, il Nieuwe Maas ha accumulato negli anni quintali di spazzatura di materie plastiche provenienti dall’entroterra, trasportandole inevitabilmente fino al Mare del Nord. Per evitare questo scempio il Comune di Rotterdam con la collaborazione di WHIM architecture e della Wageningen University (Wur), ha pensato di trasformare questi rifiuti in una nuova e insolita risorsa utile a creare veri e propri parchi galleggianti costruiti proprio a partire dai materiali plastici riciclati.

recycle

Il processo che darà vita al Recycled Park galleggiante è molto accurato: i rifiuti verranno recuperati dal fiume grazie a un apposito macchinario passando poi al vaglio degli specialisti dell’Università di Wageningen che indicheranno la migliore tecnica di riciclo in base alle differenti tipologie di plastiche raccolte, per trasformarle nei particolari blocchi esagonali che permetteranno alla piattaforma di galleggiare. Con differenti misure e dimensioni a seconda della tipologia di plastica d’origine, i blocchi galleggianti permetteranno di ospitare veri e propri giardini pensili estensivi, in grado di accogliere anche alberi ad alto fusto nella parte superiore e piante acquatiche e alghe nella parte sommersa.

L’inquinamento di fiumi, mari e oceani è un problema in drammatica crescita, dannoso per l’ambiente e pericoloso per la fauna, il caso più eclatante è sicuramente la Great Pacific Garbage Patch una vera e propria isola di rifiuti alla deriva nell’Oceano. Attraverso il Recycled Park il team di Rotterdam spera di riuscire a sviluppare una soluzione reale al problema, sperimentando un’alternativa esportabile e applicabile in qualunque contesto geografico o bacino idrico, un aiuto indispensabile per ripulire i corsi d’acqua fornendo nello stesso tempo nuova superficie verde a disposizione di tutti i cittadini.

Fonte: rinnovabili.it

Io penso che in Italia ci siano tanti ragazzi che vogliono puntare in alto attraverso la realizzazione di nuovi progetti, basati anche sulla riqualificazione di aree dismesse… Ora tocca alle Istituzioni dare un aiuto a coloro che attraverso i propri studi, vogliono contribuire a salvare il salvabile… Io sono per le 3R… RECUPERO, RICICLO, RIUSO… 

E VOI??? Commentate e fatemelo sapere….

A presto Ale 😉

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...