LA FAMIGLIA CHE PRODUCHE 1/2 LITRO DI RIFIUTI ALL’ANNO

Ciao followers,

oggi finalmente venerdì, arriva il fine settimana di relax e di coccole 🛁🚿💦💦💆🏼 intanto però vi posto un articolo che ho trovato molto interessante e che vorrei leggeste con interesse in quanto riguarda ognuno di noi, la produzione di RIFIUTI…

A tal proposito io ho sempre una teoria e cioè che ognuno di noi ogni giorno si disfa con tanta facilità dei rifiuti prodotti, senza chiedersi dove finisce il loro ciclo, se esiste una fine al loro ciclo di vita e se ci sono le condizioni per far terminare il ciclo vitale 🤔🤔

Cosa voglio dire con questo, che purtroppo ci sono moltissimi cittadini che pensano di fare il giusto (magari svuotando una cantina) gettando via tutto senza nemmeno chiedersi se  l’oggetto in questione potesse essere riutilizzato, rigenerato, o peggio ancora donato 😕

recycle

Fortunatamente però ci sono tanti altri cittadini che vivono secondo la teoria del Green Economy, e cioè applicando tutte le regole necessarie a produrre pochi rifiuti 🚯♻️✅🚮

Un esempio eclatante è quella di Bea Johnson, blogger e autrice del libro “Zero Waste Home”, che è quasi riuscita ad azzerare del tutto la produzione di scarti domestici. Tutta la famiglia, che vive a Mill Valley, a due passi da San Francisco, negli Usa, produce poco più di un litro di spazzatura all’anno.
In un’intervista a Shine Canada riportata da greenme.it, la donna risponde: “Nel nostro bidone dell’immondizia ci sono un paio di pezzi di plastica di un elettrodomestico, un pezzo di cavo della bici di mio figlio e un bastoncino da lecca-lecca, probabilmente qualcuno lo ha regalato a mio figlio e non ha potuto rifiutare, capisco”. Tutta qui la spazzatura accumulata – pensate – in tre mesi, mentre un americano in media produce oltre 450 chili di rifiuti all’anno.
Certo, dieci anni fa, anche Bea, suo marito Scott e i due giovani figli portavano via i loro bidoni pieni di immondizia fino al marciapiede di fronte, come tutti gli altri. Ma sentivano che qualcosa non andava. Così, prima hanno deciso di trasferirsi in un appartamento più piccolo, liberandosi dell’80 percento dei loro beni e, a poco a poco, sono diventati sempre più interessati ad una vita eco-sostenibile. Fino ad arrivare alla creazione del blog Zero Waste Home e alla scrittura del libro.
Marito e moglie sono prodighi di consigli su come vivere una vita più “amica dell’ambiente” ed hanno anche ideato un metodo per eliminare virtualmente i rifiuti domestici. Si basa sulle “cinque R”: riduzione, riuso, riciclo, recupero, risparmio. Ma rifiutarsi di portare la spazzatura in eccesso tra le mura domestica è il punto di partenza e quello più importante. “Non c’è davvero nessun segreto in ciò che facciamo, basta dire di no alle cose di cui non abbiamo bisogno e riciclare il resto: ci rimane da smaltire un paio di fogli di carta per la scuola e qualche bottiglia di vino vuota”, insiste Bea .
Altri semplici passi alla portata di tutti? Eccoli: acquistare alimenti sfusi, lasciare le scatole delle scarpe e le confezioni dell’abbigliamento in un negozio (o, meglio ancora, acquistare vestiti da negozi dell’usato), chiedere fatture elettroniche e pagamenti online, portare i propri contenitori quando si compra cibo da asporto.

divieto

Ora vi chiedo: è così impossibile fare la raccolta differenziata attuando una corretta e funzionale gestione dei rifiuti????

Lascio a voi la possibilità di replicare con un commento 💪🏻👍🏻♻️

P.S. Ringrazio i nuovi followers che in questi giorni hanno visitato e apprezzato i miei articoli ❤️

A presto Ale 😘

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...